Please select your country / region

Close Window
GT
Comunità di GT SPORT
CHIT
GT Academy

Race Camp europeo di GT Academy 2015 - Giorno 8

L'ultimo giorno del Race Camp di NISMO PlayStation GT Academy 2015 ha preso il via al circuito Yas Marina, dove i 14 concorrenti rimasti sono scesi in pista con gli istruttori di GT Academy. Successivamente, i rispettivi mentori hanno scaricato dati e registrazioni v-box per analizzare le loro prestazioni. Il leggendario progettista di F1 Adrian Newey OBE è sempre stato a disposizione per dare utili suggerimenti a mentori e aspiranti piloti.

Successivamente, è stato il momento del fatidico incontro tra i mentori e i rispettivi due concorrenti rimasti, allo scopo di decretare il campione territoriale da schierare nella gara finale.

Questi sono i campioni territoriali che hanno partecipato alla prima, "vera" gara della loro vita: Ben Bishop (Regno Unito), Romain Sarazin (Francia), Nikodem Wisniewski (Europa centro-orientale), Victor Prim (Penisola iberica), Emile de Dryver (Benelux), Simone Marcenò (Italia) e Thomas Kiefer (Germania). Questo è stato anche l'ordine sulla griglia di partenza, deciso ieri sera in una sessione speciale di Gran Turismo organizzata al nightclub Rush del Viceroy Hotel.

Una sessione di prove a tempo tenutasi all'alba ha preceduto la gara vera e propria, disputata su sei giri lungo il circuito meridionale di Yas Marina.

Il francese Romain Sarazin è partito alla grande, portandosi subito in testa quando il campione inglese Ben Bishop è finito largo alla prima curva. Dopo alcuni giri percorsi a velocità fulminea, tra cui il miglior giro della corsa, Romain ha accumulato un largo vantaggio. Alle sue spalle, l'italiano Simone Marcenò e lo spagnolo Victor Prim hanno cercato in tutti i modi di superare Ben, ma il pilota inglese è riuscito a difendersi fino alla fine. Questi sono stati i piazzamenti finali: Francia, Regno Unito, Italia, Penisola iberica, Benelux, Europa centro-orientale e Germania.

A questo punto, l'unica formalità rimasta ad Adrian Newey, direttore tecnico di Red Bull Racing, è stata quella di proclamare vincitore lo studente ventiduenne di Lione. Ora Romain potrà accedere al Driver Development Programme di GT Academy e avere l'opportunità di realizzare il suo sogno, ovvero quello di costruirsi una carriera come pilota di livello internazionale.

Rob Barff (giudice capo): "È stato eccezionale. Ha dominato la gara restando sempre al comando, da vero campione. Una prestazione notevole. Dopo quei tre giri perfetti a metà gara, meritava senz'altro di vincere. La sua settimana al Race Camp è andata in crescendo: Olivier mi ha detto che ha saputo dosare le forze, eseguendo perfettamente tutto quello che si era impegnato a fare. Ha la stoffa del campione e oggi la vittoria non poteva che essere sua".

Adrian Newey: "Sono rimasto davvero colpito, considerando il fatto che questi ragazzi erano alla prima esperienza. È stata una gara pulita e molto agguerrita. Romain è stato bravissimo a creare il vuoto dietro di sé, lasciando che le auto alle sue spalle si rallentassero a vicenda. Ho apprezzato molto il modo in cui ha gestito questo vantaggio. Seguire GT Academy è stata un'esperienza affascinante per me. Ormai questo programma è un trampolino di lancio sempre più importante per i giovani che sognano una carriera come piloti professionisti, anche perché i costi del karting e delle gare automobilistiche in generale continuano a lievitare. Peccato che possa esserci un solo vincitore".

Olivier Pla (mentore francese): "Non potevo chiedere di meglio. Romain è stato fantastico e in gara si è comportato esattamente come gli avevo detto, qualità apprezzabile per un pilota giovane come lui. Dopo una partenza perfetta, ha mantenuto il sangue freddo alla prima curva. Poi gli ho suggerito di accumulare un piccolo vantaggio e di gestirlo con tranquillità. Ha fatto tutto alla perfezione e sono davvero fiero di lui!".

Romain Sarazin, campione di GT Academy Europa (Francia): "Che emozione! Ho puntato molto sulla partenza perché sapevo quanto è difficile sorpassare in questo circuito. Dopo aver superato Ben alla prima curva, mi sono concentrato sull'aumentare il distacco dai miei avversari. Quando li ho visti darsi battaglia, per me è stato più facile andare in fuga. Questa grande vittoria cambierà per sempre la mia vita. Ho la fortuna di vivere un sogno a occhi aperti, e non vedo l'ora di iniziare!".