GT

Please select your country / region

Close Window
Comunità di GT SPORT
CHIT
InizioLive reportNations CupManufacturer SeriesCalendarioArchivi

Torna all'elenco

MANUFACTURER SERIES
Azione intensa sull'Inferno Verde
Manufacturer Series 2021 - World Series Round 4
14/11/2021

Tokyo, Giappone (14 novembre 2021) – Il round 4 del FIA Gran Turismo Championship 2021, ultimo prima delle finali mondiali, è stato caratterizzato da azione intensa e colpi di scena a cui l'avvincente World Series ci ha ormai abituati. La gara di questo round si è disputata sul leggendario Nürburgring Nordschleife, un circuito di 20,8 chilometri situato in una foresta nei pressi del comune tedesco di Nürburg. Sullo stesso tracciato si svolge la gara di resistenza 24 Ore del Nürburgring. Qui diversi costruttori di tutto il mondo svolgono i propri test per saggiare i limiti delle proprie auto sportive e da corsa.

Mazda era in testa ai 12 team partecipanti dopo il round 3, con Toyota e Peugeot a seguire. Toyota sperava di portarsi in posizione migliore per vincere il titolo del Manufacturer Series già conquistato nel 2019, in palio nelle decisive finali mondiali del mese prossimo. Peugeot, invece, aveva l'obiettivo di chiudere il suo 2021 su una nota positiva dopo aver mancato la qualificazione alle finali mondiali nella seconda serie di Gare online. Tutti gli occhi erano puntati su Porsche, vincitrice a sorpresa nel round precedente.

Round 4: Nürburgring Nordschleife

Dato che il Nürburgring Nordschleife è molto più lungo rispetto ai circuiti tradizionali, la gara si è svolta su appena quattro giri. Il brasiliano Igor Fraga (IOF_RACING17) si è aggiudicato la pole position con il velocissimo tempo di 6:57:589 sul tracciato di 20,8 chilometri al volante della sua Toyota 86 Gr.4, precedendo la Mazda Atenza Gr.4 del giapponese Ryota Kokubun (Akagi_1942mi) di un solo decimo di secondo. In terza e quarta posizione sono partiti il giapponese Yuhki Araki (DW-yuhki02) su Dodge Viper e lo spagnolo Jose Serrano (PR1_JOSETE) su Porsche Cayman GT4 Clubsport. Purtroppo la gara di Aston Martin si è conclusa ancora prima di iniziare, a causa di problemi di connessione che hanno impedito al peruviano Alonso Regalado di partecipare.

Per questa gara non erano richiesti cambi di pilota, ma tutti i concorrenti hanno dovuto sostare ai box almeno una volta per cambiare gomme e fare rifornimento.

Dopo la partenza da ferme, la 86 di Fraga e la Atenza di Kokubun si sono presentate alla prima delle 154 curve del Nordschleife in testa al gruppo. Durante il primo giro non ci sono stati tentativi di sorpasso rilevanti, ma il belga Quinten Jehoul (ERM_Quinten) di Peugeot, seconda nella classifica del campionato, ha perso il controllo della sua RCZ Gr.4 ed è entrato in collisione con il guardrail, scendendo in un batter d'occhio dalla settima all'undicesima posizione. Nonostante alcuni accenni di sorpasso, come quelli della Porsche Cayman 2020 di Serrano e della Subaru WRX del giapponese Takuma Miyazono (Kerokkuma_ej20), campione della Nations Cup, rispettivamente in quarta e quinta posizione, la maggior parte dei piloti ha scelto di non rischiare troppo nelle prime fasi.

La Toyota 86 di Fraga ha iniziato a staccare gli inseguitori a metà del 2° giro, portandosi a due secondi di vantaggio sull'auto in seconda posizione. Dietro di lui, duellavano i due piloti giapponesi Araki su Viper e Kokubun su Atenza, ai ferri corti per la prima metà del giro. Dopo 12 chilometri di gara, su una sezione della celebre Karussell, Araki ha infilato brillantemente la Mazda all'interno, portandosi in seconda posizione.

Al termine del 2° giro, in cui le auto hanno raggiunto i 260 km/h sul rettilineo, la maggior parte dei piloti in testa è entrata ai box. Fraga e Serrano, rispettivamente in prima e quarta posizione, sono però rimasti in pista nel tentativo di aumentare il proprio vantaggio nonostante le gomme Michelin dure usurate. A metà gara Fraga era ancora in testa, seguito da Serrano e Miyazono, ma il trio doveva ancora sostare ai box. Kokubun era al momento in sesta posizione, primo tra i piloti già entrati ai box. Grazie a una sapiente gestione del carburante, il giapponese aveva imbarcato 11 litri in meno del suo rivale in settima posizione, Araki. La sosta più breve gli aveva permesso di tornare in pista cinque secondi prima del suo connazionale.

Al termine del 3° giro, Fraga, Serrano e Miyazono sono entrati ai box. In quali posizioni sarebbero rientrati in pista? Fraga è tornato in pista al comando dopo una sosta lampo. Serrano è rientrato in seconda posizione, appena davanti alla lanciatissima Mazda Atenza di Kokubun.

All'inizio dell'ultimo giro, i piloti erano pronti a rischiare il tutto per tutto. La Dodge Viper di Araki si è incollata alla Subaru WRX di Miyazono, mentre Kokubun stava cercando di sorpassare la Porsche di Serrano. Araki ha sorpassato Miyazono all'11° chilometro portandosi in quarta posizione, mentre Kokubun ha atteso pazientemente l'opportunità giusta per il sorpasso nella scia della Porsche. L'occasione si è presentata al 20° chilometro, alla fine del lungo rettilineo, appena prima del traguardo. Dopo il sorpasso ai danni della Porsche di Serrano, Ryota Kokubun ha veleggiato fino al traguardo in seconda posizione, ottenendo due preziosi punti per Mazda e mantenendo il costruttore giapponese in testa alla classifica prima delle finali mondiali. La brillante vittoria di Igor Fraga ha permesso a Toyota di affiancare Mazda in cima alla classifica del campionato, mentre il terzo posto di Serrano ha mantenuto Porsche in quinta posizione. Pur non essendo riuscite a ottenere punti nel round 4, Peugeot e Subaru sono rimaste appaiate in terza posizione.

Nonostante un piccolo errore nel giro finale che lo ha quasi mandato in testacoda, Fraga ha concluso la gara con pole position, giro più veloce e vittoria finale. Il brasiliano, al settimo cielo, ha commentato così la gara: "Nell'ultima gara non ero rimasto soddisfatto dell'usura delle gomme, ma stavolta sono molto felice di tutta la strategia di gara. All'inizio ero un po' preoccupato per il carburante, perché le auto alle mie spalle mi hanno portato a spingere un po' di più per evitare che potessero entrarmi in scia. Questo mi ha portato a consumare più carburante di quanto volessi, ma alla fine è andato tutto bene. Sono felice della vittoria.

Manufacturer Series 2021 - World Series Round 4
Risultato

POSIZIONE CASA PRODUTTRICE/PILOTI TEMPO
1 Toyota Igor Fraga 28:35.115
2 Mazda Ryota Kokubun + 04.489
3 Porsche Jose Serrano + 04.642
4 Dodge Yuhki Araki + 09.669
5 Subaru Takuma Miyazono + 11.617
6 Honda Shohei Sugimori + 12.647
7 Mercedes-Benz Baptiste Beauvois + 12.916
8 Jaguar Ádám Tápai + 23.348
9 Peugeot Quinten Jehoul + 23.906
10 Volkswagen Hiroshi Okumoto + 24.268
11 Nissan Mario Straka + 31.785
12 Aston Martin Alonso Regalado DNS

Torna all'elenco