Please select your country / region

Close Window
GT
Comunità di GT SPORT
IT
Caratteristiche speciali

Qualità, risoluzione e realismo della gamma α supportano l'espressione della realtà nella serie "Gran Turismo"

Gran Turismo Sport, il celebre simulatore di guida per PlayStation®4, offre una prospettiva globale con un livello di realismo senza precedenti. Un realismo in cui le fotocamere della gamma α di Sony giocano un ruolo fondamentale. Un buon esempio di questo è "Scapes", una modalità di gioco che permette di creare fotografie uniche posizionando le proprie auto preferite all'interno delle riproduzioni di scenari reali di tutto il mondo. Nei suoi viaggi per acquisire queste scene dal vivo, il team fotografico ha utilizzato una fotocamera full-size mirrorless Sony α. A dirigere il team sono stati Chikara Kitabatake, un fotografo di automobilismo noto per aver immortalato momenti mozzafiato, e Hiroshi Kanzaki di Polyphony Digital Inc., la compagnia che ha creato Gran Turismo. Il team editoriale di α Universe ha parlato con loro del modo approfondito in cui la base di utenza globale di Gran Turismo utilizza Scapes, per scoprire i motivi alla base della loro scelta del modello full-size mirrorless α. Inoltre, ho avuto anche modo di ascoltare un paio di storie interessanti sul loro operato.

Hiroshi Kanzaki - Polyphony Digital Inc. (a sinistra)
Team di produzione di Scapes, "Gran Turismo Sport"

Chikara Kitabatake - Fotografo di automobilismo (a destra)
Nato nel 1957, ha lavorato come fotografo di automobilismo occupandosi di WEC, WRC e F1 dal 1983 al 1990. Dal 1991 lavora nel campo dei cataloghi automobilistici e ha realizzato diversi cataloghi per le case produttrici di auto giapponesi. Dal 2016 scatta fotografie in giro per il mondo per Gran Turismo Sport come parte del team di Scapes.

La direzione intrapresa all'inizio dello sviluppo di "Scapes" è stata dettata dalla mentalità degli appassionati di auto. Ora possiamo offrire contenuti specialistici agli appassionati dei giochi di corse di tutto il mondo.

Team editoriale di α Universe: Per iniziare potresti spiegarci com'è stata decisa l'inclusione di "Scapes" in Gran Turismo?

Kanzaki: Diversi appassionati di Gran Turismo (di seguito "GT") sono appassionati di auto. È naturale che vogliano scattare delle belle foto delle loro auto preferite, perciò abbiamo incluso i contenuti di "Scapes" per soddisfare questo loro desiderio.

Scapes è una modalità che permette di posizionare liberamente dei modelli 3D realistici di veicoli all'interno di fotografie di scenari reali, complete di informazioni ottiche e ambientali. Queste foto includono i luoghi più affascinanti di ogni regione del mondo e comprendono località celebri come Mont Saint-Michel, il Grand Canyon e Kyoto, solo per fare alcuni esempi. Anche adesso, giocatori di tutto il mondo continuano a divertirsi con la creazione di immagini eleganti e interessanti delle auto combinate con questi fantastici scenari. Scapes permette di scattare foto della propria auto preferita in momenti precisi, cosa che sarebbe estremamente difficile da fare su un vero circuito. Abbiamo iniziato a sviluppare questa modalità tenendo presente che agli appassionati di auto piace scattare foto dei veicoli.

Scapes replica virtualmente la località e il tempismo degli scatti, permettendo all'utente di alterare a piacimento composizione, esposizione, messa a fuoco e altre impostazioni fotografiche. La sensazione è di svolgere veramente un servizio fotografico sul posto. È possibile scattare anche panoramiche, che trasmettono la sensazione di movimento dell'auto. Per farlo nella realtà servirebbe una buona attrezzatura e molta abilità, ma con Scapes è possibile iniziare a scattare foto molto facilmente e provare finché il risultato finale non ci soddisfa. È per questo che tantissimi nostri utenti sono riusciti a scattare foto davvero impressionanti con Scapes.

Kitabatake: Sì, molti di loro hanno scattato foto migliori delle mie! In Scapes la fotocamera è sincronizzata con il movimento dell'auto, quindi il risultato finale è migliore di quello che si avrebbe scattando, ad esempio, una foto panoramica in condizioni reali. La prima volta che ho provato Scapes sono rimasto sorpreso dal livello di espressività che il team di produzione stava perseguendo.

Quando si scatta una panoramica, bisogna muovere la fotocamera seguendo il movimento dell'auto. La sincronizzazione completa è ovviamente impossibile. Al massimo, si riesce a raggiungere una sincronizzazione del 90-95%. Replicare quel piccolo 5-10% di "sfocatura" è stata una grande conquista, perché la sincronizzazione completa sembra artificiale. Quel leggero tocco di "sfocatura" voluta dal team di produzione amplifica notevolmente il realismo del tutto.

Kanzaki: Dato che il realismo è il nostro obiettivo principale, puntiamo sempre a creare immagini vicine a quelle prodotte dall'occhio umano. Scegliere se utilizzare una sincronizzazione del 90-95% o completa è stato uno degli argomenti discussi fino all'ultimo dal team. La decisione non è stata presa soggettivamente da una singola persona, ma è venuta dopo la condivisione delle nostre opinioni e dall'analisi delle diverse espressioni.

Kitabatake: È possibile regolare anche l'ampiezza della sfocatura, giusto? In diverse occasioni, mentre provavo a scattare una foto con Scapes, ho ritenuto che la sfocatura fosse eccessiva e ne ho quindi regolato la percentuale con l'apposito indicatore. La possibilità di farlo mi ha lasciato a bocca aperta. Dopo aver fatto qualche altra piccola modifica, mi sono accorto che era passato tantissimo tempo!

Kanzaki: Le impostazioni predefinite restituiscono un'immagine naturale, ma l'utente ha la possibilità di alterarle a piacimento.

Team editoriale di α Universe: Perché avete deciso di utilizzare scatti veri e non computer grafica per gli sfondi?

Kanzaki: In GT6, il predecessore di GT Sport, avevamo una funzionalità chiamata "Viaggio fotografico", che ha anticipato Scapes. Tuttavia, all'epoca c'erano solo circa 5 località e gli sfondi erano stati realizzati in computer grafica, quindi è stato necessario creare tutto, dalle strade agli edifici, con la massima attenzione al dettaglio. Era un procedimento troppo lungo e dispendioso, per questo abbiamo provato a utilizzare foto reali in Scapes.

Il risultato è che abbiamo potuto inserire molte più località tra cui scegliere. Scapes ne offre ben 1.400 agli utenti di GT Sport. Abbiamo scattato oltre 60.000.000 di foto, in più è possibile alterare il colore delle proprie auto preferite e applicare adesivi, quindi le possibilità sono quasi infinite. Le foto Scapes sono anche condivisibili con milioni di altri utenti e penso che questo abbia creato un tipo di community fotografica senza precedenti.

Kitabatake: All'inizio, però, temevamo che gli utenti non si sarebbero sentiti coinvolti, vero?

Kanzaki: Già. Non sapevamo se i nostri utenti l'avrebbero apprezzata. Anche se il nostro obiettivo era di riprodurre la realtà, temevo che la modalità sarebbe stata considerata solo come la possibilità di creare una normale immagine composita. Tuttavia, la reazione degli utenti è stata più positiva di quanto immaginassi e questo mi ha colpito molto.

Kitabatake: Sì, io avevo gli stessi dubbi di Kanzaki-san. Sono un grande appassionato della serie GT fin dall'inizio e conoscevo a fondo il gioco, ma temevo che gli utenti non si sarebbero divertiti scattando foto nel gioco. Quando mi è stato affidato questo ruolo mi sono detto: "E se la community non lo apprezzasse?", ma quando GT Sport è uscito e Scapes è stato accolto ottimamente, la mia motivazione è schizzata alle stelle e mi ha dato l'energia di ritrarre ancora più località in momenti ancora più efficaci.

Durante i servizi fotografici immaginavamo la scena con l'auto già al suo interno e pensavamo a composizioni che l'utente avrebbe potuto facilmente modificare!

Team editoriale di α Universe: Quali sono i criteri di selezione delle località di Scapes?

Kanzaki: Kitabatake-san ha lavorato a lungo con le pubblicità delle riviste automobilistiche e i cataloghi fotografici, perciò conosce tantissimi posti adatti a scattare ottime foto di auto. Gli ho chiesto consiglio diverse volte. Il requisito delle foto di Scapes è che l'auto deve poter essere posizionata al centro della scena. Prendiamo come esempio lo scenario più bello del mondo: è impossibile sapere se sia possibile posizionarvi un'auto e questo è un altro modo di capire se c'è abbastanza spazio anche senza recarvisi. È per questo che prima di tutto attingo sempre alla vasta conoscenza che Kitabatake-san ha di quei posti.

Kitabatake: La parte più difficile è stata la ricerca di superfici in cui posizionare l'auto. Ci sono tantissimi luoghi celebri e bellissimi in cui non c'è abbastanza spazio per farlo. Diverse volte ho chiesto scherzando al team di produzione di aggiungere una piccola sporgenza in CG su cui poter mettere un'auto, ma mi è stato sempre risposto di no e ricordato che le immagini dovevano essere "naturali" e basate sulla realtà. Non avevo modo di ribattere!

Team editoriale di α Universe: Sembra che i luoghi siano stati scelti da Kitabatake-san, ma ci sono state altre direttive dalla produzione?

Kanzaki: Kazunori Yamauchi-san, produttore della serie GT, mi ha detto di scattare foto che mi piacciono in luoghi e momenti che mi piacciono. All'inizio pensavo che scherzasse. Quando gliel'ho chiesto di nuovo, mi ha consigliato di andare in un posto in cui Kitabatake-san avrebbe fotografato delle auto e di tornare con qualche foto. Tutto è iniziato più o meno così.

Non mi sono stati indicati luoghi precisi, quindi per prima cosa sono andato nel posto che più volevo visitare, cioè "The Wave" in Arizona, negli Stati Uniti (in basso). Volevo vedere le sue stratificazioni e ritenevo che il primo luogo avrebbe dovuto essere mozzafiato per dettare da subito uno standard elevato. È per questo che l'ho scelto.

Arizona - Stati Uniti / The Wave
Una regione inesplorata del Vermilion Cliffs National Monument nell'Arizona settentrionale, negli Stati Uniti. Gli strati di arenaria color bruno-rossastro creano una curva dinamica, dando vita a uno scenario surreale.
Arizona - Stati Uniti / The Wave
Una regione inesplorata del Vermilion Cliffs National Monument nell'Arizona settentrionale, negli Stati Uniti. Gli strati di arenaria color bruno-rossastro creano una curva dinamica, dando vita a uno scenario surreale.

Kitabatake: Per preservare l'ambiente sono ammessi solo 20 visitatori al giorno, scelti tramite una lotteria. Abbiamo partecipato alla lotteria ogni mattina per sei giorni, ma inutilmente. Il tempo di permanenza stava giungendo al termine. Avevamo poco tempo, quindi ho pensato a cosa avremmo fatto se avessimo vinto a quella lotteria. Ho chiesto a una signora che ho incontrato alla lotteria se fosse disposta ad aiutarci. Se tutto fosse andato bene, avremmo risolto il problema. Suo marito era un grande appassionato di GT e si è gentilmente offerto di andare al posto nostro. Per fortuna, quella signora ha vinto!

Sapevo che la qualità di tutte le altre immagini sarebbe stata determinata dalla qualità della prima, quindi ero deciso a fare tutto il necessario per assicurarmi di iniziare nel modo migliore. Ero un po' nervoso, perché sapevo che quel primo scatto doveva essere perfetto.

Prima di partire avevo guardato le foto del luogo e sapevo che doveva essere possibile posizionarvi un'auto, ma ho dovuto immaginare come poter far convivere le dimensioni dell'auto e dello scenario. Quando sono arrivato lì, ho avuto la sensazione che il tutto fosse più stretto di quanto mi aspettassi. Avevo pensato a fondo alle foto che volevo scattare e non vedevo l'ora di iniziare, ma è stato difficile perché le aree che mostravano chiaramente le curve della stratificazione erano poche. Visto che il tempo a nostra disposizione è stato limitato, mi piacerebbe molto poterci tornare e scattare una foto ancora migliore!

Team editoriale di α Universe: È stato necessario tanto tempo per coprire tutte le località?

Kanzaki: GT Sport è uscito nell'autunno del 2017 e noi abbiamo iniziato i lavori fotografici nel 2015, quindi abbiamo coperto 1.400 scene in 2 anni. Stiamo portando ancora avanti il lavoro fotografico, quindi penso che anche Kitabatake-san stia lavorando sodo al progetto da oltre cinque anni.

Kitabatake: All'epoca lavoravo su circa dieci servizi l'anno. Ogni viaggio durava circa due settimane. Ho visitato più o meno 60 paesi, tra cui località che ancora devono essere incluse nel gioco. Di solito impiegavamo circa due settimane viaggiando in ogni paese. Una volta ho valutato male la scala della mappa e abbiamo dovuto viaggiare per oltre 1.200 km in un singolo giorno mentre scattavamo foto!

Di solito, quando realizzo un catalogo fotografico per le case automobilistiche mi trattengo in un posto per tre giorni alla ricerca delle condizioni di illuminazione ottimali, ma uno degli obiettivi di Scapes è la varietà e serve un approccio diverso. Durante gli incontri iniziali con il team di produzione, abbiamo quindi deciso che ci saremmo attenuti al programma, a prescindere dalle condizioni meteorologiche. Un membro del team di produzione mi ha consigliato di adottare lo stesso approccio di Gran Turismo, che letteralmente significa "Viaggiare". Di conseguenza, all'inizio ho seguito il programma senza curarmi degli eventuali giorni di pioggia o di altri fattori. Ho preparato un programma che mi avrebbe permesso di scattare foto al mattino o di sera, per valorizzare l'illuminazione del luogo. Ci sono state diverse occasioni in cui le cose non sono andate come previsto, ma è stato un sollievo sapere che quelle circostanze hanno reso più varia l'offerta ai nostri utenti.

All'uscita di GT Sport avevo completato il lavoro che mi era stato assegnato, perciò Polyphony mi ha chiesto di occuparmi di altre località. Per i servizi successivi ho deciso di modificare leggermente il mio approccio. Ora, quando mi reco in un luogo davvero speciale, mi capita di restarci anche per tre giorni.

Team editoriale di α Universe: Dato che le immagini erano destinate all'utilizzo in Scapes, ci sono state delle cose che hai dovuto tenere presente per le foto?

Kitabatake: Le foto create riguardano le auto, non lo scenario, perciò ho provato a immaginare la scena con l'auto già al suo interno e di scattare foto che avrebbero ospitato bene un veicolo. È essenziale anche che l'inquadratura sia un po' ampia, per dare modo all'utente di alterare facilmente la composizione. Solitamente da professionista non avrei accettato questa mancanza di un punto focale nell'inquadratura, ma in questo caso è stato necessario, perché un'immagine sovraccarica complica l'utilizzo da parte dell'utente.

Kanzaki: Se la composizione è troppo predeterminata, l'utente non può inserire l'auto nell'immagine come vorrebbe, perciò ho chiesto a Kitabatake-san di utilizzare un'inquadratura un po' sciolta per permettere agli utenti di esprimersi maggiormente.

Team editoriale di α Universe: Per le vostre foto avete utilizzato le fotocamere full-size mirrorless α. Le avete utilizzate solo in Scapes o anche in altri passaggi dello sviluppo di GT?

Kanzaki: Noi di PDI utilizziamo quasi esclusivamente la α7. La fotocamera utilizzata per catturare i dettagli delle auto da ricreare in CG è una α, così come quella che utilizziamo per esaminare gli scenari. In pratica, tutte le fotocamere impiegate nella produzione della serie GT sono della gamma α. Le utilizziamo in diverse situazioni, al punto che stiamo sviluppando accessori e app personalizzati per sfruttarle ancora meglio nella realizzazione dei capitoli della serie.

Oltre a essere leggera e compatta, offre una risoluzione elevata. È fantastica. La α è stata una delle prime fotocamere mirrorless con obiettivo intercambiabile a offrire risoluzioni elevate, qualità molto importanti per noi. Se la risoluzione utilizzata per fotografare le auto fosse troppo scarsa, non potremmo controllarne i dettagli più piccoli. La gamma α è fondamentale per la riproduzione del mondo reale in Gran Turismo.

La compatibilità con la CG fa distinguere le fotocamere α! Gli scenari affascinanti e le ricche gradazioni fanno risaltare le auto!

Team editoriale di α Universe: Dopo averla utilizzata per Scapes, cosa pensate della α?

Kitabatake: Ciò che distingue la α dalle fotocamere che ho utilizzato in precedenza è la nitidezza, nettamente superiore. Sono rimasto davvero sorpreso quando ho controllato l'immagine sul suo monitor 4K HDR. Le sfumature del colore sono molto ricche e la risoluzione è fantastica. È come guardare un mondo diverso.

Kanzaki: Dal punto di vista della produzione, il vantaggio più significativo della α è la compatibilità con la CG. La risoluzione è elevata, i contorni incredibili e le tonalità cromatiche neutrali senza difetti, quindi penso che sia la fotocamera migliore per la CG.

Prendiamo come esempio la foto dell'edificio abbandonato qui sotto. L'auto in CG si integra con lo scenario.

Ibaraki - Giappone / Ex sede della Nippon Kakoh Seishi Co., Ltd Takahagi Mill
Una cartiera in disuso di Takahagi City, nella prefettura di Ibaraki. I numerosi edifici abbandonati sono caratterizzati da una bellezza malinconica. Il posto è stato anche molto gettonato per le riprese di produzioni televisive e cinematografiche.
Ibaraki - Giappone / Ex sede della Nippon Kakoh Seishi Co., Ltd Takahagi Mill
Una cartiera in disuso di Takahagi City, nella prefettura di Ibaraki. I numerosi edifici abbandonati sono caratterizzati da una bellezza malinconica. Il posto è stato anche molto gettonato per le riprese di produzioni televisive e cinematografiche.

Kanzaki: Anche la seguente foto in controluce della costa francese è eccezionale. Questo tipo di illuminazione rende spesso sfocata la sagoma, ma la α riesce a riprodurla molto nitidamente.

Kitabatake: In precedenza, avevo lavorato con i cataloghi fotografici, quindi non avevo molta esperienza con le scene in controluce. Tuttavia, la tendenza del team di produzione a utilizzarle mi ha offerto molte occasioni di scattare foto in controluce, che la α riproduce con un bellissimo riflesso. Il team di produzione ha anche creato un effetto nebbia da applicare all'auto e che amalgama il tutto con lo scenario.

Normandia - Francia / Étretat
La costa di Étretat, un comune turistico della Normandia. Il contrasto tra le scogliere calcaree esposte agli agenti atmosferici e alla spiaggia sabbiosa era apprezzato già dagli artisti dell'antichità.
Normandia - Francia / Étretat
La costa di Étretat, un comune turistico della Normandia. Il contrasto tra le scogliere calcaree esposte agli agenti atmosferici e alla spiaggia sabbiosa era apprezzato già dagli artisti dell'antichità.

Kanzaki: Un'auto in CG collocata nell'immagine senza modifiche risulterebbe separata dal resto dell'immagine. Per evitarlo abbiamo chiesto agli sviluppatori una funzione che permettesse di aggiungere la nebbia. Un procedimento simile è stato utilizzato per l'immagine in basso, che ritrae White Sands. Sapevamo che in molte situazioni ci sarebbe servito uno strumento per integrare l'auto nello scenario, quindi abbiamo esaminato le foto scattate da Kitabatake-san ed escogitato le funzionalità necessarie. Il lavoro necessario è immenso, ma ci sono tantissime espressioni da approfondire e continuerò a lavorarci meticolosamente vagliandole una alla volta.

El Paso - Stati Uniti / White Sands
Un'ampia area di dune sabbiose del New Mexico. Le dune a mezzaluna di sabbia bianca, composta da gesso cristallizzato, creano uno scenario completamente bianco in un'area di oltre 710 chilometri quadrati.
El Paso - Stati Uniti / White Sands
Un'ampia area di dune sabbiose del New Mexico. Le dune a mezzaluna di sabbia bianca, composta da gesso cristallizzato, creano uno scenario completamente bianco in un'area di oltre 710 chilometri quadrati.

Team editoriale di α Universe: Ci sono state delle località particolarmente difficili da riprodurre?

Kitabatake: Il Preikestolen (il Pulpito di roccia), in Norvegia, è stato problematico per diversi motivi. Era il luogo principale che avevo in mente durante i miei spostamenti. Volevo assicurarmi di poterlo fotografare in una giornata di sole. Tuttavia, l'anno in cui l'ho visitato ha avuto l'estate più fredda degli ultimi 50 anni e il tempo era terribile, con cielo coperto tutti i giorni. Come se non bastasse, la strada dall'albergo al posto consisteva in circa 2 ore di salita montuosa. Un giorno il proprietario dell'albergo mi ha detto che le previsioni per il giorno seguente erano buone, quindi mi sono svegliato presto e mi sono incamminato alle 3:00 del mattino. Il percorso, però, era troppo lungo e non sono riuscito ad arrivare in tempo per l'alba. Anche se l'avessi fatto, il sole sarebbe stato comunque coperto dalle nuvole. Ricordo di aver pensato che il giorno seguente avrei dovuto rifare tutto, ma al ritorno sono stato accolto dal fantastico spettacolo di un centinaio di turisti che stavano aspettando il mattino sulla falesia nei loro sacchi a pelo! Non me l'aspettavo affatto e a quel punto mi ero rassegnato, convinto che non sarei riuscito a combinare nulla.

Poi il cielo si è rischiarato e l'illuminazione è migliorata, quindi ho pensato: "Ci siamo!". Dopo aver dato ai membri dello staff gli snack giapponesi che avevo portato, ho detto loro di svegliare chi dormiva nei sacchi a pelo sulla falesia. Lo staff ha consegnato gli snack e chiesto gentilmente a quella gente se avesse voglia di aiutarci a scattare la foto per cui eravamo venuti fin dal Giappone. Ho fatto spostare tutti prima sul lato destro della falesia, poi sul sinistro. C'è voluto circa un minuto per scattare tutte le foto, poi ho combinato entrambi i lati per creare un'immagine senza le persone.

Rogaland - Norvegia / Preikestolen
Un ripido dirupo che si alza a più di 600 metri sul Lysefjord. Quest'ampia falesia, che non è delimitata da ringhiere, offre un panorama senza pari.
Rogaland - Norvegia / Preikestolen
Un ripido dirupo che si alza a più di 600 metri sul Lysefjord. Quest'ampia falesia, che non è delimitata da ringhiere, offre un panorama senza pari.

Kanzaki: Quando scattiamo delle foto per Scapes dobbiamo assicurarci di avere spazio sufficiente per posizionarvi un'auto. Tuttavia, è scontato che in molte popolari località turistiche, come i siti patrimonio mondiale, siano molto affollati. Spesso dobbiamo chiedere alle persone se sono disposte a spostarsi. A volte non si tratta neanche di persone, ma di cose da rimuovere. Tutto è volto a raggiungere l'obiettivo delle nostre foto, ovvero poter mostrare le auto su questi bellissimi sfondi.

Ruotare l'auto per catturare efficacemente la luce e pensare come si combina con lo scenario durante lo scatto.

Team editoriale di α Universe: Ho saputo che anche tu ti cimenti con Scapes, Kitabatake-san. Hai qualche consiglio per scattare delle belle foto alle auto?

Kitabatake: Prima di tutto è importante guardare tutte le parti dello schermo, poi ruotare l'auto per catturare il più efficacemente possibile la luce. Sulla carrozzeria ci saranno sempre dei riflessi, ad esempio del cielo o del suolo, ma ruotando l'auto si può capire come reagisce la luce in una particolare situazione. Per cui, prima di tutto ruotate l'auto per catturare meglio la luce, poi spostatela e modificatene le dimensioni per trovare il punto in cui si inserisce meglio nello scenario. Credo che siano dei buoni consigli per scattare foto efficaci.

Se pensate di voler aggiungere qualcos'altro, consiglio di creare una panoramica. Regolando la velocità dell'otturatore si modifica il flusso del fondale e questo consente di creare diverse espressioni. È incredibile quante possibilità ci siano. Di solito uso immagini di questo tipo per i cataloghi, ma per sincronizzare l'inquadratura con l'auto ci servono attrezzature voluminose, come una gru. Con Scapes è facilissimo fare ciò che nella realtà costerebbe circa un milione di yen e scattare foto incredibili. È una funzionalità con cui è impossibile non divertirsi.

Scapes è una modalità fantastica che si avvicina quanto più possibile alla vera fotografia. È talmente ricca di funzionalità che non le ho ancora usate tutte e i possibili risultati sono infiniti. Vi invito a sperimentare con le impostazioni dell'inquadratura per scoprire i possibili risultati. È anche un ottimo modo di familiarizzare con la fotografia.

Team editoriale di α Universe: È molto bello anche poter condividere le proprie foto con altri utenti.

Kitabatake: Spero che un giorno gli utenti potranno scattare le foto per le località di Scapes in tutto il mondo e condividerle in gioco. Chi vive vicino a uno di questi posti dovrebbe solo tenere d'occhio l'orario e le condizioni meteorologiche per iniziare a scattare foto. Spero che in futuro non avremo solo le foto del team di produzione, ma anche quelle caricate e condivise dagli utenti del gioco. Se potremo creare quest'interazione tra i nostri utenti, Scapes diventerà ancora più godibile.

Team editoriale di α Universe: Allora sembra che Scapes continuerà a evolversi.

Kanzaki: In futuro vorrei esaminare possibilità più in linea con Scapes, che vanno oltre quelle concesse dalla normale fotografia. Per realizzare questo sogno, però, è fondamentale disporre di scenari in quantità. Con le riviste e i contenuti multimediali automobilistici si è limitati, perché è possibile utilizzare solo scenari in cui è possibile posizionare o guidare un'auto. Con Scapes, invece, serve solo lo spazio per posizionare l'auto, quindi le possibilità per avere un risultato affascinante sono infinite. Sono impaziente di continuare la ricerca di luoghi che valorizzino la bellezza e l'eleganza delle auto.

Ovviamente, in questa ricerca porterò con me la mia α. Per GT Sport abbiamo utilizzato la α7R III, ma ora è uscita la α7R IV da 61 megapixel, vero? Per Scapes è necessario inquadrare e tagliare le foto, quindi un numero superiore di pixel concederebbe più libertà nell'abbinamento di auto e scenario. Se riuscissimo a offrirla, sono sicuro che ne sarebbero felici anche gli utenti di GT. Ci aspettiamo molto dal dispositivo. Sono sicuro che inizieremo a impiegare la α7R IV a breve e spero che tutti voi continuerete a seguire la costante evoluzione di Scapes.